Con l’art. 37 D.Lgs. 13/2024 sono stati prorogati al 31.07.2024, senza alcuna maggiorazione, i termini per effettuare i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi, Irap e Iva, che scadono il 30.06.2024, in relazione ai contribuenti interessati dall’applicazione degli Isa, compresi quelli aderenti al regime forfetario o di vantaggio.

 

 

L’art. 37 non contempla, però, la possibilità di effettuare i versamenti citati con il differimento di 30 giorni, ai sensi dell’art. 17, c. 2 Dpr 435/2001, applicando la maggiorazione dello 0,40%. Per tale motivo, la lett. n) del c. 1 dell’art. 3 del decreto correttivo, in corso di approvazione, modifica l’art. 37 citato, relativo al differimento del termine dei versamenti del saldo e del 1° acconto per il primo anno di applicazione del concordato, inserendovi, al comma 1, un ulteriore periodo mediante il quale si prevede che limitatamente al 2024 sarà possibile effettuare i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi e da quelle in materia di Irap e di Iva entro il 30° giorno successivo al 31.07.2024, maggiorando le somme dovute dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo.